Posts Tagged ‘Cianciulli’

L’ultima testimone del caso Cianciulli, Nella Barigazzi, è deceduta qualche giorno fa all’età di 94 anni. Condoglianze alla famiglia.

 

Leonarda Cianciulli – la prima serial killer donna italiana – è passata alla storia come “la saponificatrice di Correggio (un comune in provincia di Reggio Emilia) e venne arrestata nel 1941 con l’accusa di avere ucciso ed occultato i cadaveri di almeno tre donne. Il caso suscitò molto scalpore a livello mondiale ed il soprannome di “la saponificatrice” le venne attribuito in quanto le cronache del tempo riportarono la tesi secondo la quale, in almeno un caso, avesse smembrato il cadavere della sua vittima per bollirlo con soda caustica per cercare di ricavarne sapone.

Nel 1946 la Cianciulli venne ritenuta colpevole dei tre omicidi, del furto delle proprietà delle vittime e del vilipendio dei cadaveri e condannata al ricovero per almeno tre anni in un manicomio criminale ed a trent’anni di reclusione. Nel 1970 morì all’età di 77 anni nel manicomio di Pozzuoli.

La saponificatrice - scheda segnaletica

la saponificatrice – scheda segnaletica

La saponificatrice Tour: i luoghi dei delitti di Leonarda Cianciulli

Le abitazioni delle vittime e della saponificatrice

cliccare sulle immagini per ingrandire

 

Nella Barigazzi fu l’ultima domestica di Leonarda Cianciulli e, con la sua scomparsa, il caso – che ancora oggi suscita molto scalpore –  viene definitivamente consegnato alla storia.

Il destino ha voluto che la scomparsa dell’ultima testimone del caso Cianciulli sia avvenuta proprio nel giorno della presentazione “Leonarda Cianciulli: ‘la saponificatrice di Correggio’ – Mito e storia della prima serial killer italiana“, di Italo e Livio Garavaldi, tenutasi il 3 luglio 2015 a pochi chilometri di distanza dai luoghi nei quali i delitti furono compiuti.

Banner della presentazione sulla saponificatrice

locandina della presentazione di Montecavolo (RE)

cliccare sull’immagine per ingrandire

La saponificatrice è citata nel mio primo romanzo giallo tradotto in italiano – Viking Connection– ed ha ispirato la scrittura del terzo, che sarà disponibile nelle migliori librerie alla fine del prossimo autunno.

Grazie fin d’ora per i commenti che vorrai postare. Mantieni monitorato il sito e la pagina Facebook del romanzo, sia per trovare maggiori informazioni sul caso Cianciulli, sia per essere sicuro di non perderti le curiosità sui miei libri già disponibili in libreria e sull’uscita dei prossimi.

Non dimenticare di scrivermi e farmi avere i tuoi giudizi, critiche e pensieri in libertà e farò il possibile per risponderti non appena possibile – I L Federson

Leonarda Cianciulli – la prima serial killer donna italiana – è passata alla storia come “la saponificatrice di Correggio (un comune in provincia di Reggio Emilia) e venne arrestata nel 1941 con l’accusa di avere ucciso ed occultato i cadaveri di almeno tre donne. Il caso suscitò molto scalpore a livello mondiale ed il soprannome di “la saponificatrice” le venne attribuito in quanto le cronache del tempo riportarono la tesi secondo la quale, in almeno un caso, avesse smembrato il cadavere della sua vittima per bollirlo con soda caustica per cercare di ricavarne sapone.

La saponificatrice - scheda segnaletica

la saponificatrice – scheda segnaletica

Nel 1946 la Cianciulli venne ritenuta colpevole dei tre omicidi, del furto delle proprietà delle vittime e del vilipendio dei cadaveri e condannata al ricovero per almeno tre anni in un manicomio criminale ed a trent’anni di reclusione. Nel 1970 morì all’età di 77 anni nel manicomio di Pozzuoli.

La saponificatrice Tour: i luoghi dei delitti di Leonarda Cianciulli

Le abitazioni delle vittime e della saponificatrice

cliccare sull’immagine per ingrandire

Gli strumenti usati dalla Cianciulli per i suoi delitti e le foto delle vittime sono ancora oggi conservati al Museo criminologico di Roma e, in questo video – tratto dalla trasmissione Delitti, trasmessa qualche anno fa da LA7, e la cui visione è sconsigliata ai minori ed alle persone troppo sensibili – sono state riassunte le vicende della saponificatrice di Correggio con l’ausilio di estratti dal film Gran Bollito di Mauro Bolognini del 1977 (con un cast di tutto riguardo, anche se la trama è poco fedele alla realtà).

Come spesso accade con i fatti di cronaca legati a serial killer, con il tempo si sono diffuse leggende metropolitane, spesso citate come verità assolute dai media e da sedicenti esperti, ma che hanno ben poco a che fare con i fatti realmente accaduti, con i documenti processuali,  e con la scienza. Per chi fosse interessato ad approfondire seriamente l’argomento, sconsiglio la visione dei moltissimi documentari che circolano sul web e suggerisco, semmai, la lettura del libro “Leonarda Cianciulli: la saponificatrice di Correggio” di V. Mastronardi e F. Sanvitale o, se siete nei paraggi di Reggio Emilia il 3 luglio p.v., di assistere alla presentazione “Leonarda Cianciulli: ‘la saponificatrice di Correggio’ – Mito e storia della prima serial killer italiana“, presso lo Spazio Libreria della Festa dell’Unità di Montecavolo 2015

Banner della presentazione sulla saponificatrice

locandina della presentazione di Montecavolo (RE)

cliccare sull’immagine per ingrandire

La saponificatrice è citata nel mio primo romanzo giallo tradotto in italiano – Viking Connection – ed ha ispirato la scrittura del terzo, che sarà disponibile nelle migliori librerie alla fine del prossimo autunno.

Grazie fin d’ora per i commenti che vorrai postare. Mantieni monitorato il sito e la pagina Facebook del romanzo, sia per trovare maggiori informazioni sul caso Cianciulli, sia per essere sicuro di non perderti le curiosità sui miei libri già disponibili in libreria e sull’uscita dei prossimi.

Non dimenticare di scrivermi e farmi avere i tuoi giudizi, critiche e pensieri in libertà e farò il possibile per risponderti non appena possibile – I L Federson

Ad un lettore attento come te non sarà sfuggito il fatto che Viking Connection contiene numerosi riferimenti a fatti di storia e cronaca nera italiana dal dopoguerra ad oggi e in questo post vorrei soffermarmi, seppure brevemente, sul delitto del finanziere Gianmario Roveraro e sulla “saponificatrice” Leonarda Cianciulli, personaggi tra loro molto diversi (oltre ad essere una vittima di un brutale omicidio il primo, una feroce assassina la seconda) e saliti agli onori delle cronache in periodi differenti, ma le cui tragiche vicende umane si sono svolte nei luoghi dove si svolge la trama del romanzo.

Gianmario Roveraro – finanziere, fondatore della banca d’affari Akros, membro soprannumerario dell’Opus Dei e collaboratore di Cirio e Parmalat alla vigilia dei crack finanziari che nel decennio scorso hanno interessato le due aziende e migliaia di risparmiatori  – nel 5 luglio 2006, tornando a casa da un incontro di formazione spirituale e di preghiera, venne rapito da tre malviventi che, dopo averlo trattenuto per alcuni giorni in un casolare nel modenese,  lo assassinarono. Il suo cadavere, fatto a pezzi, venne ritrovato in periferia di Parma il 21 luglio 2006.

Fotografia del finanziere Gianmario Roveraro

Il finanziere Gianmario Roveraro

Come si evince dal seguente video, una delle piste investigative del delitto Roveraro più suggestive riguardò l’appartenenza del finanziere all’Opus Dei, ma le indagini portarono ad assicurare rapidamente i veri responsabili alla giustizia, dimostrando che gli stessi avevano agito per ragioni di denaro.

 

Leonarda Cianciulli – uno dei primi serial killer italiani e passata alla storia come “la saponificatrice di Correggio” (in provincia di Reggio Emilia) – venne arrestata nel 1941 con l’accusa di avere ucciso ed occultato i cadaveri di almeno tre donne. Pare che in almeno un caso, abbia smembrato il cadavere della sua vittima per bollirlo con soda caustica, sale di rocca ed acqua di colonia per ricavarne sapone. Nel 1946 la Cianciulli venne ritenuta colpevole dei tre omicidi, del furto delle proprietà delle vittime e del vilipendio dei cadaveri e condannata al ricovero per almeno tre anni in un manicomio criminale ed a trent’anni di reclusione. Nel 1970 morì all’età di 77 anni nel manicomio di Pozzuoli.

Fotografia della "saponificatrice" Leonarda Cianciulli

La “saponificatrice” Leonarda Cianciulli

Gli strumenti usati dalla Cianciulli per i suoi delitti e le foto delle vittime sono conservati al Museo criminologico di Roma e, in questo video – tratto dalla trasmissione Delitti, trasmessa qualche anno fa da LA7, e la cui visione è sconsigliata ai minori ed alle persone troppo sensibili  – sono state riassunte le vicende della saponificatrice di Correggio con l’ausilio di estratti dal film Gran Bollito di Mauro Bolognini del 1977 con un cast di tutto riguardo.

 

 

Grazie fin d’ora per i commenti che vorrai postare. Mantieni monitorato il sito e la pagina Facebook del romanzo per essere sicuro di non perderti le curiosità su questo libro e l’uscita dei prossimi romanzi.

Non dimenticare di scrivermi e farmi avere i tuoi giudizi, critiche e pensieri in libertà e farò il possibile per risponderti non appena possibile – I L Federson

Calendario
December 2018
M T W T F S S
« Jul    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Archivi